Il consiglio del Decimo Municipio ha approvato un documento per regolamentare la detenzione di animali esotici da compagnia, individuati come specie invasive. I possessori di tartarughe, ma anche scoiattoli grigi e testuggini palustri americane, hanno tempo fino al 31 agosto per mettersi in regola ed evitare cosi’ pesanti sanzioni, che vanno dai 150 euro ai 20mila euro. “e’ sempre piu’ sentito il senso di responsabilita’ collettivo verso I temi ambientali – dichiara in una nota il gruppo consiliare del Movimento Cinque Stelle del Decimo Municipio – uno di questi e’ il superamento di quella bramosia di possedere animali da altre zone della terra, consapevoli dei danni che questi possono arrecare proliferando dalle nostre parti”. Nel testo del provvedimento si chiede inoltre alla Regione Lazio di dotarsi di strutture pubbliche o private autorizzate, per l’accoglienza della fauna esotica, qualora i proprietari decidessero di non tenerla piu’ con se. Per la denuncia e’ sufficiente una semplice dichiarazione da inviare tramite pec, fax o raccomandata, seguendo le istruzioni presenti sul sito web del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.