La sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato l’ordinanza per la stagione balneare che ormai e’ alle porte e che avra’ ufficialmente inizio il primo maggio. Ma il servizio di salvataggio partira’ in ritardo: I bagnini saranno operativi solo 20 giorni dopo. Fino al 16 giugno e per il mese di settembre i bay-watch garantiranno la loro presenza nei weekend e nei festivi dalle 9 alle 19; mentre dal 17 giugno al 31 agosto tutti i giorni. Esclusa dal servizio l’ex Amanusa. Situazione insolita anche per l”Arca” dove i cancelli rimarranno chiusi e i bagnanti potranno entrare dagli stabilimenti confinanti. Sara’ assolutamente vietato gettare sulla sabbia i mozziconi di sigaretta. Novita’ in arrivo per i venditori ambulanti. Il commercio sara’ garantito a numero chiuso: 10 gli esercenti che potranno circolare in spiaggia tramite gara. Ma l’ordinanza ha scatenato gia’ le prime polemiche: “Il servizio di assistenza e salvataggio sulle spiagge libere anche quest’anno sara’ ad intermittenza – ha commentato la consigliera del Decimo Municipio Mariacristina Masi. Il coordinatore romano di Forza Italia Davide Bordoni ha invece dichiarato: “Roma Capitale deve avviare al piu’ presto l’iter per ottenere i fondi della regione destinati alla difesa delle coste. La stagione balneare ad Ostia – ha concluso – rischia di essere seriamente compromessa insieme al futuro economico del litorale romano“.