Distensione, sorrisi e speranze. Dopo settimane col fiato sospeso i lavoratori del Cup del servizio sanitario possono finalmente tirare un sospiro di sollievo. La regione Lazio e i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil hanno infatti  sottoscritto nelle scorse ore un accordo a tutela dei dipendenti coinvolti nel turbine dei cambi di appalto.
Nello specifico le controparti  hanno preso atto che allo stato attuale delle cose  non emergono criticità in merito al mantenimento dei livelli occupazionali.
Inoltre regione e sindacati concordano sulla necessità di salvaguardare il recupero del divario retributivo determinato dal cambio di contratto e il riconoscimento dell’anzianità di servizio per i fini giuridici e economici. Al fine di garantire un’occupazione stabile e di qualità e il miglioramento dei servizi offerti si è deciso che la riassunzione dovrà essere effettuata garantendo l’applicazione dell’articolo 18.