Quando hanno acquistato le loro abitazioni non avevano percezione dei disagi che avrebbe potuto comportare la vicinanza con un allevamento di galline e ora vivono segregati in casa. La vita si e’ trasformata in un incubo per i residenti di Via Sarnico e strade limitrofe, a Dragona.Nel 2015, la commissione capitolina ambiente formulo’ un indirizzo rivolto al Decimo Municipio al fine di trasferire in altro luogo l’attivita’ ovicola. Ma con il commissariamento e il successivo cambio di amministrazione la procedura si e’ arenata.