Consiglio straordinario sui rifiuti nel Decimo Municipio. A chiederne la convocazione è stata l’opposizione che però, ancora una volta, denuncia la scarsa collaborazione dialettica dell’amministrazione a 5 stelle di piazza della stagione vecchia. In particolare il dibattito politico si è acceso quando la consigliera della Lega, Monica Picca, ha chiesto spiegazioni sul tritovagliatore. A lasciare perplessa l’opposizione anche l’assenza del comune di roma da cui, di fatto, la questione della raccolta dei rifiuti dipende. Una tirata d’orecchie all’amministrazione locale è arrivata anche da Luca Capobianco dell’associazione di commercianti Ascom , infuriato davanti alle accuse di alcuni consiglieri municipali 5 stelle secondo le quali la colpa dei disservizi sui rifiuti sarebbero da ricondurre a cittadini e commercianti. “Abbiamo chiesto questo consiglio straordinario – afferma la consigliera di fratelli d’italia, Mariacristina Masi – per cercare di migliorare il servizio, in particolare chiediamo la sostituzione dei cassonetti su strada di ostia, di un materiale che è risultato facilmente infiammabile e di facile rottura e un’attenzione maggiore per le utenze degli esercizi commerciali.  In più chiediamo che il consiglio interroghi il sindaco sulla disputa tra regione e comune sul piano rifiuti. Apprendiamo che l’ordinanza di Zingaretti è stato prorogata al 31 dicembre 2019 anche se non è stata risolutiva”.