A Cerveteri, nuova ordinanza del sindaco Alessio Pascucci per consentire gli allacci fognari, nonostante le strutture di depurazione siano ormai sature da tempo e non possano ricevere altre utenze. Il depuratore di Cerenova, infatti, avrebbe raggiunto da anni la capacita’ massima prevista e si attende ancora il previsto ampliamento da parte della societa’ Acea. Il superamento dei livelli potrebbe comportare un cattivo funzionamento dell’impianto, che riversa nel Fozzo Zambra le acque depurate. Con abbondanti piogge, il rischio e’ quello di provocare un vero e proprio disastro ambientale, riversando in mare grandi quantita’ di acque nere. D’altra parte, le richieste di allaccio alla rete fognaria da parte dei cittadini si moltiplicano e l’amministrazione non puo’ far altro che agire in deroga. La questione – soprattutto negli ultimi anni – e’ stata al centro di un’accesa disputa tra i comuni di Cerveteri e Ladispoli, con la giunta guidata dal sindaco Grando che accusa i “cugini” cerveterani di inquinare la costa.