Continua a far discutere il concerto di Jovanotti a Campo di Mare. Dopo i problemi legati alla vicinanza della palude di Torre Flavia, nelle ultime ore e’ esplosa un’altra polemica: l’amministrazione avrebbe deciso di rilasciare solo un permesso, a nucleo familiare, per il transito delle auto durante il Jova Beach Party. “In casa siamo in due – afferma un residente – entrambi dobbiamo recarci a lavoro in quei giorni e trovo inaccettabile che uno dei due debba chiedere le ferie per via dell’evento. Ben vengano iniziative di questo tipo se portano benefici al territorio e alla popolazione – conclude – ma trovo inammissibile che venga leso il diritto di uscire di casa e di recarsi in ufficio”. Mancano ormai meno di due mesi alla manifestazione e la situazione sta diventando veramente calda. Sembrerebbe che, viste le ultime mareggiate che hanno fatto sparire interi tratti della spiaggia, gli organizzatori abbiano chiesto di riempire di sabbia l’area parcheggi antistante gli stabilimenti balneari, consentendo in questo modo di allargare in maniera artificiale l’arenile. “Siamo costretti ancora una volta a presentare un esposto, invitando gli enti competenti ad intervenire per le opportune verifiche – hanno dichiarato i consiglieri comunali di Cerveteri, De Angelis e Orsomando. – la zona, sottoposta a ristretta vincolistica ambientale, e’ stata gia’ stravolta da scavi, spianamenti e livellamenti vari – concludono – dobbiamo tutelare le nostre dune”.