Ennesimo incendio ieri sera presso il campo nomadi di Castel Romano. Ancora una volta, sono andati a fuoco rifiuti, auto rubate e carcasse di elettrodomestici. Alle 22 sono giunti sul posto i vigili del Fuoco del distaccamento di Pomezia, ma ci sono volute diverse ore per domare le fiamme per la presenza di più focolai. Fortunatamente, grazie anche all’utilizzo dell’autobotte, la situazione è tornata alla normalità, ma i pompieri sono rimasti fino alle 4 di notte per bonificare l’area. Questa mattina, intorno alle 8.30, è scattato il secondo intervento, coadiuvato da una squadra proveniente da Marino. Pesantissimi i disagi che subiscono i vicini abitanti: il problema principale è il fumo, che viene inalato da tutti i residenti del circondario, creando un’emergenza sanitaria, ambientale e di sicurezza. La situazione però dovrebbe presto tornare sotto controllo. Entro Marzo tutti i campi rom della Capitale, quello di Castel Romano compreso, saranno presidiati dall’Esercito.