Ha destato scalpore la condanna a due anni di reclusione per induzione alla corruzione del proprietario dell’immobile che ospita la caserma della polizia locale di Ostia in via Capo delle Armi. 
L’uomo, nel 2014, aveva consegnato una mazzetta al funzionario Venanzoni, che avrebbe avuto voce in capitolo su un bando comunale che avrebbe dovuto individuare una nuova sede per i vigili urbani.