Nuove infrastrutture su ferro, nodi di scambio e linee ferroviarie trasformate in metropolitane. E’ quanto previsto nel nuovo piano urbano della mobilita’ sostenibile adottato dall’Assemblea Capitolina. L’obiettivo e’ porre al centro le persone e offrire loro nuove modalita’ di spostamento, nel rispetto delle richieste e del processo partecipativo sui territori. Il piano prevede l’implementazione di 96 chilometri di rete metropolitana e tranviaria, oltre a 290 chilomteri di nuovi itinerari ciclabili. Tra i progetti di mobilita’ collettiva figurano i sistemi a fune Battistini-Casalotti e Villa Bonelli-Eur Magliana, la linea tram Verano-stazione Tiburtina, il collegamento su rotaia dalla stazione Termini a Piazza Risorgimento e il potenziamento della Roma-Lido, trasformata in metro “E”. Infine sono in programma nel pums l’incremento delle aree pedonali e zone 30 non solo al centro, ma anche nelle periferie.