Ostia emerge dal malaffare. In manette per corruzione l’ex-dirigente della polizia Antonio Franco; mentre i beni del clan Fasciani finiscono sotto sequestro.