“Mamme guerriere per i propri figli: vogliamo la sicurezza”. Queste le parole comparse lungo numerosi striscioni sulla recinzione della scuola Sant’Antonio di Ardea che lamentano ritardi sui lavori di messa in sicurezza in alcune aree del plesso, che è stato chiuso a novembre  per alcune settimane a causa di problemi di staticità riscontrati sui solai. La scuola era poi stata riaperta, al termine delle verifiche tecniche, con l’interdizione di un’ala.
Gli striscioni, che in base alla rivendicazione sarebbero stati affissi da alcune mamme degli alunni della Sant’Antonio, chiedono la velocizzazione dei lavori per riportare il plesso alle condizioni originarie. Troppo piccole, secondo alcuni genitori, le aule ricavate dalla divisione del locale mensa. Sono preoccupati anche per la presenza di puntelli nell’edificio e chiedono controlli anche dal punto di vista antisismico.