Nulla da fare per il “Jova beach party” a Ladispoli. Dopo le numerose polemiche sollevate dagli ambientalisti, la tappa prevista per il 16 luglio a Torre Flavia e’ stata annullata. “Mi dispiace per il disagio di coloro che hanno acquistato il biglietto – ha commentato Lorenzo Cherubini – mi sono fidato perché la spiaggia era stata approvata e ritenuta assolutamente idonea da quelle stesse persone che poi si sono opposte”. “Sono a dir poco amareggiato nel prendere atto della scelta dell’organizzazione – ha dichiarato il sindaco Alessandro Grando – ha prevalso la prepotenza di chi senza avere la minima idea della cura con cui era stato progettato l’evento, ha aspramente criticato un’iniziativa che avrebbe consentito alla citta’ di essere l’ombelico del mondo per una sera. Le aree marittime scelte – ha ribadito Grando – sono completamente esterne al perimetro della palude e non in conflitto con l’area di nidificazione del fratino”. Dello stesso avviso gli esponenti di “Unicom Ladispoli”: “Il fatto che il nostro arenile era stato inserito in un tour che tocca le più belle spiagge italiane – hanno spiegato – non poteva che rappresentare un motivo di orgoglio”. Intanto, l’organizzazione ha annunciato che il concerto si terra’ a Policoro in provincia di Matera.