E’ stato inaugurato ad Ostia, nella sede del polo sociosanitario dell’Anffas, il primo bar interamente gestito da ragazzi disabili. Antonio, alison e tommy, dopo aver frequentato corsi sulla somministrazione del caffe’, avranno ora la possibilita’ di iniziare una preziosa esperienza in totale autonomia. L’evento di inaugurazione, al quale hanno partecipato le autorita’ regionali e municipali, si inserisce perfettamente nel dibattito sulle potenzialita’ della nuova legge sul “dopo di noi”. “per quanti hanno la possibilita’ di frequentare la scuola ed arrivare al diploma o ad una specializzazione, il problema e’ proprio quello del “dopo” – ha dichiarato l’Assessore alle Politiche Sociali del Decimo Municipio Germana Paoletti – diciamo no all’assistenzialismo e si’ all’autonomia”. “Il bar – ha spiegato il direttore generale dell’Anffas Stefano Galloni – e’ un bel segno di civilta’ e innovazione e offrira’ nuove opportunita’ ai giovani con disabilita’, andando a completare gli importanti risultati ottenuti negli ultimi cinque anni in materia di politiche attive di inserimento lavorativo.” La Consigliera Regionale Michela Califano ha assicurato che la pisana sta mettendo in campo importanti misure di assistenza alle persone diversamente abili: “Dobbiamo garantire loro una vita serena – ha affermato – anche quando i genitori o i familiari che se ne prendono cura non potranno piu’ farlo.” Complimenti arrivano anche dalla Presidente del Decimo Municipo Giuliana di Pillo: “Iniziative del genere dimostrano come nel nostro territorio operino delle eccellenze. In materia di assistenza domiciliare stiamo lavorando affinche’ si possa garantire il diritto di scelta sull’ente a cui rivolgersi, come previsto dalla convenzione Onu.”