Al via l’attesa e discussa visita in Italia del presidente cinese Xi Jinping. Il boing 747 dell’Air China è atterrato ieri alle 18.30 all’aeroporto di Fiumicino. Con Xi anche la First Lady, Peng Liyuan. Ad accoglierlo anche il sindaco Esterino Montino. Il presidente è salito in auto per raggiungere l’albergo scelto per il suo soggiorno a Roma: il Parco dei Principi. Nella Capitale sono scattate già da giorni le misure di sicurezza eccezionali per garantire gli spostamenti nel centro storico di Xi e della super delegazione al seguito, composta da circa 500 persone. Le attese sono però sono tutte per l’agenda economica: la firma del memorandum d’intesa tra Italia e Cina per l’adesione all’iniziativa Belt and Road, la nuova Via della Seta, che ha provocato più di una preoccupazione a Bruxelles e a Washington. Durante la permanenza di Xi a Roma sono previsti tre convegni di cooperazione bilaterale: la sesta edizione del comitato Italia-Cina dei business leaders e il secondo incontro del forum culturale, a cui parteciperanno membri delle comunità economiche, d’affari e culturali, appunto. Sono attesi anche accordi commerciali. Intanto, si intensificano I rapporti con l’Oriente. Aeroporti di Roma ha comunicato una grande novità. Infatti dal 12 giugno partirà dallo scalo Leonardo Da Vinci il collegamento diretto Roma-Hangzhou. I voli saranno operativi tre volte alla settimana.