Arrivano delle importanti novità sul fenomeno del “mare marrone” che nella settimana dopo ferragosto aveva fatto scattare il divieto di balneazione tra Pomezia e Ardea. L’ Arpa Lazio ha pubblicato un aggiornamento sulle analisi effettuate in quei giorni. L’agenzia regionale di protezione ambientale fa sapere che è confermata la fioritura algale della fibrocapsa japonica, responsabile della colorazione dell’acqua, ma l’elemento di novità e’ la consistente contaminazione fecale in alcuni fossi della zona. Sono state rilevate inoltre, “concentrazioni significative di nutrienti” che secondo l’ Arpa, in un rapporto inviato ai sindaci delle due località , portano a supporre la possibile presenza di acque reflue non trattate.