Rinvio a giudizio

Torna a far parlare di se’ l’imprenditore Raffaele Di Mario, arrestato per il crack immobiliare che nel 2011 ha scosso Pomezia.  L’uomo e’ stato raggiunto da un ulteriore rinvio a giudizio legato al fallimento delle aziende legate alla “Dimafin”.  Il provvedimento riguarda altre 32 persone tra collaboratori, amministratori di singole societa’ e prestanome, oltre a dirigenti di istituti di credito: si va dalla bancarotta fraudolenta ai reati di natura fiscale.

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *