Processo Vannini

Antonio Ciontoli, uno degli accusati della morte di marco vannini, rompe il silenzio in aula. Lo ha fatto in protezione della figlia Martina, chiamata in causa dal comandante dei carabinieri di Ladispoli che l’ha collocata nella scena del delitto. Tuttavia l’uomo non ha chiarito davanti ai giudici cosa e’ accaduto nella villa dopo lo sparo che ha ferito il giovane: “Marco era come un figlio per noi”, ha detto Antonio Ciontoli sollevando le proteste e qualche coro di disapprovazione da parte del pubblico.

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *