Processo Vannini

“Ero convinto che la pistola fosse scarica e ho sparato per gioco”:  questa la testimonianza di Antonio Ciontoli durante il processo per la morte del 20enne cerveterano Marco Vannini.  “In un precedente interrogatorio – ha proseguito l’imputato – ho detto che l’arma mi era scivolata perche’ mi vergogno cosi’ tanto per quanto e’ accaduto”.  “Non sapevo niente dello sparo – ha dichiarato invece la figlia Martina – mi sono fidata di mio padre.”

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *