Pescatore incatenato

Stamattina un pescatore di ostia si è incatenato al cancello della sede dell’amministrazione del decimo municipio. Franco D’Arienzo, 70 anni e storico pescatore del borghetto, chiede di essere aiutato dal direttore del municipio e dal commissario straordinario Vulpiani per la questione dell’insabbiamento della foce del canale. Il problema è di nuovo gravissimo. Le barche dei pescatori sono bloccate nel canale per via della foce ostruita. Stamattina questo pescatore ha deciso di incatenarsi. Un gesto simbolico e pacifico per un problema che non riguarda solo lui ma anche tutti i suoi colleghi che lavorano al borghetto di ostia oltre che alle società di diving e ai diportisti. I pescatori non lavorano e continuano a subire i danni alle loro imbaracazioni. D’Arienzo in particolare racconta di aver perso di recente alcune milgliaia di euro di reti e di aver nuovamente rotto un pezzo del motore. Succede spesso. I pescatori cercano infatti di uscire malgrado le condizioni della foce ma capita di frequente che alla fine si ritrovino anche a dover riparare i danni delle barche.

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *