Motivazioni della sentenza

Impossibile prevedere il crollo del pino che nel 2013 ha ucciso il 40enne dell’Infernetto Gianni Danieli sulla Cristoforo Colombo:  sono state rese note le motivazioni della sentenza che ha prosciolto gli otto funzionari municipali indagati con l’accusa di omicidio colposo.  Una perizia tecnica ha accertato che le radici dell’albero erano poco sviluppate, ma la chioma si presentava densa e rigogliosa.  Inoltre, le mappe non sono chiare ed e’ impossibile capire a quale ente spetti effettivamente la manutenzione delle alberature stradali.

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *