Indagine Corti dei Conti

Dal 2010 al 2017 sono stati chiamati a difendere 152 volte il Comune di Fiumicino, al costo totale di oltre 530mila euro: per gli incarichi affidati a due legali di fiducia, l’amministrazione  finita sotto i riflettori della corte dei conti. La contestazione riguarda il precedente mandato di Mario Canapini e l’attuale di Esterino Montino.  Secondo i giudici, il fatto che il Comune avesse una propria avvocatura non giustificava l’utilizzo di consulenti esterni o, quand’anche fosse stato necessario avvalersi di altri professionisti, le procedure utilizzate sarebbero state inadeguate.  “Che la corte dei conti apra un’indagine per un esposto da parte di avversari politici è un atto dovuto – ha dichiarato il Sindaco Montino – in questo caso, siamo alla richiesta di chiarimenti, e nient’altro.  Mentre Canapini, buon per lui, non risulta oggetto di indagini.  Per quanto mi riguarda, le contestazioni si riferiscono a poteri estranei alla funzione di Sindaco, che non ha e non deve avere il compito di individuare prestatori d’opera: una scelta che è precisa prerogativa e competenza dei dirigenti preposti.  Continuerò a lavorare per il bene della mia città – ha concluso Montino – certo di aver agito sempre con correttezza e buona fede”.

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *