Condanne

Si e’ concluso con sette condanne il processo per la gestione illecita degli appalti pubblici ad Ostia.  La vicenda risale al 2012 e ruota attorno all’affidamento dello stabilimento “Orsa maggiore”.   Otto anni e sei mesi di reclusione per l’ex-direttore dell’uffico tecnico Aldo Papalini; pene superiori ai cinque anni per armando spada e per il luogotenente della marina Cosimo Appeso.  Oltre tre anni di carcere per Matilde Magni – moglie di Appeso – Ferdinando Colloca e Damiano Facioni, che stavano portando a termine “L’affare” insieme a Spada.  Solo otto mesi, infine, per l’imprenditore Angelo Salzano.  Ad alcuni imputati e’ stata riconosciuta l’aggravante del metodo mafioso.

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *