Business passaporti

Passaporti destinati al macero, riciclati e venduti in Siria, Iraq ed Afghanistan: il raggiro e’ stato scoperto dalla Polaria di Fiumicino.  Le indagini hanno preso il via quando all’aeroporto “Leonardo Da Vinci” e’ stata fermata una passeggera albanese diretta in Canada con un documento che ufficialmente risultava distrutto.  Sgominate due organizzazioni criminali che avrebbero trattato almeno 300 passaporti.  Undici le persone finora coinvolte.

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *