Bando illegittimo

L’Anac, autorità nazionale anticorruzione, ha bocciato il bando comunale di Pomezia sulla cura del verde. La motivazione? Non favorisce la partecipazione delle aziende. La gara pubblica stilata dal movimento 5 stelle che guida il comune pometino – un affare da quasi 4 milioni di euro per i prossimi tre anni- era stato contestato dalla deca, una società che non ha partecipato al bando. Proprio questa aveva sollecitato l’intervento dell’anac che ha definito la gara a evidenza pubblica “non conforme alla normativa e alla prassi di settore, ed in contrasto con il principio del favor partecipationis”.  Intanto il bando è ancora in corso, come spiega lo stesso sindaco fabio fucci, che replica all’autorità nazionale anticorruzione e difende l’operato della giunta pentastellata: “ la contestazione non arriva da organismi rappresentativi  delle associazioni di categoria degli imprenditori – spiega il primo cittadino –  l’amministrazione desiderava individuare un’impresa dotata della necessaria esperienza specifica nel settore della manutenzione del verde pubblico. Il bando presenta quindi requisiti pertinenti e congruenti al servizio da appaltare”.

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *