Anziani maltrattati

Sequestro di persona, abbandono di incapace e somministrazione di medicinali da parte di personale non qualificato: questi i reati per i quali sono stati denunciati i gestori di una residenza per anziani abusiva all’Infernetto.  La scoperta è stata fatta dalla Polizia durante un controllo amministrativo effettuato in una casa di cura regolarmente autorizzata:  ad insospettire gli agenti è stata una porta chiusa a chiave che dava accesso a una struttura adiacente.  I poliziotti si sono trovati davanti a scene raccapriccianti: alcuni anziani erano rinchiusi in una grande stanza umida e sporca, con tracce di escrementi sul pavimento.  Nemmeno l’ombra, invece, di medici e infermieri. I funzionari della Asl Roma 3 hanno contestato violazioni sulla sicurezza sul lavoro e sequestrato, con obbligo di distruzione, oltre 35 chili di derrate alimentari non tracciate, delle quali alcune anche scadute. La Guardia di Finanza, invece, sta verificando la posizione di alcuni lavoratori trovati senza contratto. In totale, gli ospiti della struttura erano 19: dieci collocati nella casa di cura autorizzata e nove in quella abusiva.  Questi ultimi, di età compresa tra i settanta e i novantanni, sono stati affidati ai propri familiari ad eccezione di uno – senza famiglia – che è stato collocato in altra struttura sanitaria.

1 Comment

  1. buongiorno capisco tutto ma le notizie mozze no! dove sono nomi, struttura e indirizzo? grazie

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *